Psicosi post partum: perché è diversa dalla depressione post partum

Riconoscere i sintomi per ricevere il giusto aiuto

psicosi post partum
psicosi post partum

Pur essendo entrambi disturbi mentali che affliggono la donna dopo il parto, la psicosi post partum e la depressione post partum hanno sintomi differenti che richiedono trattamenti specifici. Entrambi si possono curare con terapia online e medicinali, se affrontati per tempo.  La cosa importante è essere consapevoli delle differenze tra questi due disturbi, in modo da ricevere il giusto aiuto. Scopriamo insieme quali sono.

Qual è la differenza tra depressione e psicosi post partum?

I sintomi per eccellenza che caratterizzano la depressione post partum sono tristezza estrema e senso di vuoto, accompagnati da insonnia, stanchezza, perdita o alterazioni dell’appetito, scarsa autostima, ansia e irritabilità. In più, le donne che soffrono di questo disturbo si sentono spesso sopraffatte e non sono in grado di affrontare le responsabilità che la maternità comporta. Questi sintomi solitamente durano per due o più settimane, ma possono protrarsi fino a un anno dalla nascita del bambino, se non prontamente riconosciuti e trattati.

La psicosi post partum invece è molto più grave e di solito si manifesta entro le prime due settimane dal parto. I sintomi includono deliri, false convinzioni, allucinazioni, comportamenti maniacali come iperattività o parlare molto veloce. Questo disturbo necessita di cure mediche immediate, perché può essere altamente pericoloso per la madre e il neonato.

È importante ricordare che la maggior parte delle donne che soffrono di questi disturbi recuperano completamente con un trattamento adeguato.

Che cos’è la depressione post partum?

La DPP è una forma di depressione clinica che si stima riguardi tra il 7% e il 12% delle neo-mamme dopo il parto.  È una delle complicazioni più comuni e può causare forte disagio psicologico, sentimenti di disperazione, ansia, esaurimento. Solitamente si sviluppa entro le prime 4 settimane dal parto e può durare mesi o addirittura anni se non curata. Anche se solitamente sono le donne a soffrirne, gli studi dimostrano che si può manifestare anche negli uomini.

Sintomi

Sentimenti di disperazione e impotenza, apatia, insonnia, irritabilità, confusione, e alterazioni dell’appetito sono sintomi comuni della depressione post partum, ma anche sintomi fisici come mal di testa e disturbi della digestione non sono rari. La maggior parte delle donne con DPP si sente sopraffatta dalle responsabilità di essere madre e, di conseguenza, a volte fatica a creare un legame con il neonato a causa di una mancanza di motivazione o di una disconnessione emotiva. Se quello che state leggendo vi suona familiare, contattate al più presto un dottore, un terapeuta o uno psicologo online e raccontategli cosa state provando.

Fattori di rischio

I fattori di rischio includono:

  • storia familiare di depressione
  • parto difficile
  • assenza di un partner
  • difficoltà economiche
  • mancanza di sostegno da parte della famiglia o del partner

Secondo gli studi, uno dei fattori di rischio più importanti è soffrire di depressione durante la gravidanza.

Che cos’è la psicosi post partum?

La psicosi post partum è un disturbo mentale grave che può manifestarsi in seguito al parto. Gli studi stimano che affligga 1 o 2 donne su 1000. La psicosi è caratterizzata da sbalzi di umore esagerati, confusione, disorientamento, allucinazioni e delirio. Solitamente si sviluppa entro la prima settimana dal parto, ma può comparire anche durante il primo anno di vita del neonato.

Sintomi

I sintomi più comuni della psicosi post partum sono depressione, mania o ipomania. Altri segnali possono essere cambiamenti importanti del ciclo del sonno (insonnia o ipersonnia), difficoltà a concentrarsi, pensieri intrusivi ricorrenti, sovraeccitazione, irrequietezza. In casi estremi, pensieri e comportamenti suicidi possono accompagnare deliri o allucinazioni visive o uditive.

Fattori di rischio

I fattori di rischio che potrebbero aumentare la possibilità della psicosi post partum includono:

  • disturbo bipolare o depressione
  • precedenti episodi di baby blues
  • avere meno di 25 anni
  • parto pluri o gemellare
  • complicazioni durante la gravidanza, come la preeclampsia
  • fattori di stress della vita, come difficoltà finanziarie o problemi col partner
  • storia familiare di disturbi mentali

La DPP può trasformarsi in psicosi?

Una delle domande più comuni è se la depressione post partum possa trasformarsi in psicosi post partum. La risposta è no, ma possono manifestarsi insieme. Nella maggior parte dei casi, la DPP si risolve da sola, ma può durare fino a un anno se non trattata. La psicosi post partum richiede trattamento farmacologico e ospedalizzazione per stabilizzare lo stato mentale della madre e garantire la sicurezza sua e del bambino fino a che non si ristabilisce.

Come trattare la psicosi e la depressione post partum

Psicoterapia, antidepressivi e stabilizzatori dell’umore sono i metodi migliori per curare la depressione post partum. Per la psicosi, oltre al ricovero in ospedale, è necessaria una terapia di supporto che includa i membri più stretti della famiglia e l’aiuto di uno psicoterapeuta professionista, specializzato in disturbi della maternità.

Serve un aiuto? Belproblema!

Che si tratti di depressione o di psicosi post partum, cercare un aiuto professionale è fondamentale. Belproblema è una piattaforma che offre terapia online nel confort di casa, l’ideale per una mamma che non ha tempo di uscire o non sa a chi lasciare il bambino. I professionisti di Belproblema possono ricorrere a vari metodi di terapia, tra cui:

  • la cognitivo-comportamentale
  • la dialettico-comportamentale
  • la psicodinamica online

Fai il primo passo per stare meglio e cerca la guida e il supporto che ti servono per iniziare al meglio il tuo nuovo viaggio come madre. I terapeuti di Belproblema sono qui per te.

Hai bisogno di supporto specifico sul tema affrontato in questo articolo? Scarica subito l'App di Cozily!

Mattia Furia

Specializzato in Psicoterapia Cognitiva, incentrata sul presente, sulle risorse individuali e sulla possibilità di verificare i progressi compiuti.

Se ti interessa ricevere supporto specifico sui temi trattati in questo articolo, puoi entrare entrare subito in chat con un nostro psicologo online e scoprire quale tipo di percorso è più adatto a te! Completa il questionario e saremo a tua completa disposizione!  La prima seduta conoscitiva in chat o video è gratuita!
Scopri il Questionario