Il metodo Grey Rock: la miglior strategia contro i narcisisti

Sette consigli per gestire le relazioni con le persone tossiche

Grey Rock
Grey Rock

Il metodo Grey Rock, ovvero il metodo della pietra grigia, è una strategia per gestire le persone tossiche della nostra vita, incluse quelle con il disturbo narcisistico della personalità. Pietre e sassi sono ovunque. Ne troviamo ogni giorno in grandi quantità, per strada, in spiaggia o in montagna, ma non ci facciamo caso. Non hanno nulla di particolare o interessante. Quando si vuole mantenere una certa distanza emotiva da una persona (che sia un parente o una figura autoritaria) che ci manipola o ci usa violenza, può essere utile diventare neutri e noiosi come una pietra grigia.

Come funziona il metodo Grey Rock?

Chi soffre del disturbo narcisistico della personalità è sempre in cerca di attenzioni. Diventare una pietra grigia è un modo efficace per non soddisfare questo loro bisogno. Nel concreto significa limitare le risposte emotive, evitare il contatto visivo e sottrarsi alle occasioni di incontro ogni volta che è possibile. Quando la persona tossica realizza che siamo solo pietre grigie, noiose e poco interessanti, alla fine perde interesse. Col tempo arriverà a capire che non potrà ottenere nulla da noi, nemmeno la più piccola reazione. Se abbiamo a che fare con una persona narcisista o stiamo cercando un modo per uscire da una relazione tossica, il metodo Grey Rock è quello che fa per noi.

Rischi del metodo Grey Rock

Se da un lato questa tecnica può proteggerci dagli abusi di un narcisista, dall’altro può anche avere degli effetti collaterali. In alcuni casi, la frustrazione del narcisista che si sente ignorato potrebbe portarlo a intensificare i suoi tentativi di manipolazione per ottenere una risposta emotiva. Inoltre, alcuni studi suggeriscono che sopprimere le emozioni può danneggiare il nostro benessere. Fare la pietra con qualcuno, infatti, significa nascondere o disconnettersi dai propri sentimenti. Alla lunga, questo potrebbe rendere meno naturale la ricerca di un contatto e di una connessione emotiva con altre persone. Il metodo della pietra grigia è sicuramente efficace a breve termine, ma non dovremmo utilizzarlo per lunghi periodi di tempo.

7 consigli/tecniche per diventare una pietra grigia

  1. Capire quando farlo

Non sempre è possibile evitare le persone tossiche, soprattutto se sono colleghi o famigliari. La tecnica del Grey Rock può aiutarci a gestire le interazioni obbligate, ma anche la fine di una relazione. Se temiamo per la nostra vita, non dobbiamo usarla. Facciamo il possibile per proteggerci e per eliminare del tutto la persona che ci minaccia.

  1. Evitare che il narcisista sappia cosa stiamo facendo

Diversi studi hanno dimostrato come i comportamenti manipolatori e il narcisismo vadano di pari passo. Se un narcisista viene a sapere che stiamo usando il metodo della pietra grigia per ignorarlo, potrebbe usare la cosa contro di noi. Non dobbiamo spiegare cosa stiamo facendo o perché. Quando iniziamo a disconnetterci, evitiamo di rendere noto il nostro cambio di comportamento.

  1. Limitare le interazioni

La tecnica del Grey Rock potrebbe costarci qualcosa a livello emotivo, ed ecco perché dovremmo avere ridurre al minimo e accorciare al massimo le interazioni con la persona tossica. Se dobbiamo rispondere a una domanda, limitiamoci a un sì o un no. Se possibile, evitiamo di incontrarla del tutto, così da non correre il rischio di essere coinvolti in uno scambio di battute.

  1. Rimanere neutri

La manipolazione è un tratto distintivo della persona narcisista; ogni volta che il narcisista tocca il nostro tasto dolente, lo fa di proposito. Ecco perché dovremmo evitare di rispondere alla provocazione mostrando le nostre emozioni. Invece di dire come ci sentiamo e cedere al loro ricatto emotivo, rispondiamo in maniera neutra, limitiamoci ai fatti. Se ci chiedono di commentare qualcosa, proviamo con “Non l’ho notato” o “Non ho un’opinione in merito.” Facciamo del nostro meglio per minimizzare il linguaggio del corpo ed evitare il contatto visivo.

  1. Provare il grounding

Può essere molto difficile disconnettersi dalle proprie emozioni, soprattutto quando qualcuno ci provoca. Il grounding, letteralmente radicamento, può aiutarci a restare calmi e impassibili in queste situazioni. Questo metodo aiuta a creare una connessione tra il nostro corpo e l’ambiente che ci circonda e farci concentrare sul momento presente. Tra i vari esercizi di grounding troviamo lo yoga, il pilates e il training autogeno, ma anche gesti semplici come il toccare gli oggetti che abbiamo a portata di mano o praticare la respirazione consapevole sono altrettanto efficaci.

  1. Omettere i dettagli personali

Il manipolatore cercherà di usare le nostre informazioni personali contro di noi o di fare gaslighting. Dobbiamo quindi cercare di non condividere i dettagli delle nostre vite e le nostre emozioni con chi sospettiamo abbia tendenze narcisistiche. Meno interessanti sembriamo e meno informazioni diamo, più efficace sarà la tecnica del Grey Rock.

  1. Prendersi cura di noi stessi

La tecnica della pietra grigia funziona, ma può essere difficile da attuare. Ecco perché è importante prestare attenzione ai nostri bisogni durante il processo. Quando nascondiamo le nostre emozioni alle persone tossiche, dobbiamo assicurarci di poterle condividere con le persone importanti della nostra vita. Per maggiori consigli o supporto, potrebbe essere utile lavorare con un terapeuta.

Quando il Grey Rock non basta

Se qualcuno che conosciamo mostra i sintomi del disturbo della personalità narcisistica, è importante proteggerci. Oltre a usare tecniche come quella del Grey Rock per limitare il più possibile le interazioni, dovremmo assicurarci di avere il supporto che ci serve. Se possiamo eliminare completamente la persona tossica della nostra vita, tanto meglio. Non importa quante siano le cicatrici che ci ha lasciato, è sempre possibile provare a guarire dalla violenza e dal trauma dell’abuso. Gli amici e la famiglia possono essere di grande sostegno, ma in alcuni casi è necessario ricorrere all’aiuto professionale di uno psicologo. Non solo è in grado di insegnarci come stabilire dei confini con il narcisista, ma ci può anche aiutare a elaborare le nostre emozioni e affrontare le conseguenze del comportamento tossico sul nostro benessere psicofisico.

Vorreste provare la psicoterapia, ma non sapete da dove iniziare o chi contattare? Ci pensa Belproblema. Tramite questa app, potrete selezionare uno psicologo online adatto alle vostre esigenze a prezzi modici. Iniziate oggi a stare meglio. Basta un clic.

Hai bisogno di supporto specifico sul tema affrontato in questo articolo? Scarica subito l'App di Cozily!

Mattia Furia

Specializzato in Psicoterapia Cognitiva, incentrata sul presente, sulle risorse individuali e sulla possibilità di verificare i progressi compiuti.

Se ti interessa ricevere supporto specifico sui temi trattati in questo articolo, puoi entrare entrare subito in chat con un nostro psicologo online e scoprire quale tipo di percorso è più adatto a te! Completa il questionario e saremo a tua completa disposizione!  La prima seduta conoscitiva in chat o video è gratuita!
Scopri il Questionario